Le due Torri – Quinto Arcano

La pelle diafana, i capelli corvini, gli occhi infuocati di un azzurro scintillante.

Mi dispiace, non riesco a capire quello che dici.

La misteriosa figura riconosce lo sgomento nel mio volto e si avvicina a me, porgendomi un misterioso oggetto. Lo prendo e lo esamino attentamente: sembra una specie di dado a 20 facce e i lati recano incisi sia simboli misteriosi che caratteri a me familiari.

Jf uafpopmx .rnyox cn’pcqf n’’fmnqxt Qr yxy cnf uaf cxyx p uf cxyx qnyqp uxcp uap opmf nyux’n unsf’pt Cxex fycfpjp sxccfnjx uxjsfp’p fe yxcq’x opcqfyxt S’pyof .rpcqxi ryx opf q’p ’fmpenqx’ft Sr’q’xssx ,ef neq’f orp cxyx nyonqf ofcsp’cf p hfyx n uap yxy ef q’xmp’pjx ’pcqp’pjx orp cq’nyfp’ft

Mentre stringo l’oggetto nella mia mano sento aumentare la mia connessione con l’arcana figura. Inizio a percepirne la conoscenza, la storia, la sua bellezza mi sembra più sconvolgente che mai. Devo lanciare il dado per interpretare i suoi segni, ma sento che il nostro collegamento è spezzato, come se ancora mancassero dei pezzi necessari per completare il puzzle.

Mi siedo e inizio a lanciare il dado nell’alcova creata dalle mie gambe. Ogni ogni articolazione della sua voce si riflette nel rollio sommesso provocato dall’oggetto, in un’armonica danza di reciproca comprensione.

Parla con la figura dai capelli corvini


Torna nella prima stanza qui.

ORDINE: il cardinale dentro di me è la risposta dell’arcano

Lascia un commento